ETERNITYGATE

Counter

-------------- free counters

lunedì, maggio 09, 2016

Mario Miliavacca



Mario Migliavacca Tornandes indree on pass Introduzione

Non si dovrebbe chiamarle come è uso corrente "presentazioni", le introduzioni alle raccolte di brani contenenti esperienze personali, ma semplicemente "incontri". Nulla e 'è di più simpatico ed anche dì suggestivo, non esaminare, ma proporre la lettura di memorie non storiche ma ambientali vissute nel corso di una vita passata con "la gente ", quella vera che non conosce sterili forme. Se a tutto ciò si aggiunge il fascino del dialetto la cui immediatezza è fuori discussione, allora il contesto diventa ancora più simpatico. Mario "el Scior Dottor de la Barona " alla sua naturale e dirompente carica di un uomo votato alla sua delicata professione, aggiunge con queste patetiche composizioni una manciata di umanità ai numerosi rapporti tessuti nel corso degli anni. Da alle stampe questa sua opera e lascia agli accademici la voglia di discutere circa la grafìa, e lascia ai fabbricanti di forma il compito di stabilire i ritmi o i non ritmi dei versi. Lui scrive e stampa per gli amici, soprattutto per quelli che nelle vicende e nei personaggi ritrovano se stessi ed il quotidiano vivere di esseri normali. Io che ho lottato affinchè i personaggi di questa nostra disparsa Milano fossero fissati nelle loro caratteristiche, almeno sulla carta o meglio ancora negli animi, ringrazio Mario per questa sua divertente e serena fatica. Se ciò fosse accaduto nei diversi quartieri popolari della nostra città ora avremmo pronta la sua piccola, ma pur sempre storia. Spesse volte scrivere non significa vivere, ma, questa volta la vita ha vinto sulla eloquente narrativa.
Non è poco. ARMANDO BROCCHIERI AL ME PAPA E ALLA MIA MAMMA CHE M'HANFA IMPARA A VORE BEN AL PROSSIM. A LA MIA NONNA MARIETTA CHE LA M'HA FA IMPARA A PARLA IN MILANES AL CAR ALBERTO A diteli'èpropi beli! Te vori ben come a onfradell. Grazie per la bella tir adura de una banalissima lettura. Onpoo de color e onfìorellin fan diventaa on beli vestii anca on scossarin. Un grazie al car amis BROCCHIERI ARMANDO insigne poeta milanes per la "bella prefazione ".
AL LETTOR Car amis se te capita in man sti quater spegasc, pensa no mal de mi. Ho no vorùfa el depu. Hìn el ricord d'ona Milan tramontada: ona Milan depover, ma tanta bela e anca tanta bona: una Milan in dove luce se voreven ben. Se i storici teparen longh, leggi in stess,fina infondi te garantisi che hin luce vera.
LA COPERTINA L'E ' DEL PITTOR FORESTI ALBERTO UN BEL GRAZIE ANCA A LU. FINE Quel che mi, coni onafatiga de can ho scrit tutt a man, la mia Cinzia, coni on pizzigh de ingegn e cont on marchingegn senza errar l'ha stampa tutt el liber prima ammo de l'editar. Cinzia grazie! Qualment l'è vera l'or Chi trova ona noeura Trova on tesor. =================================================================== I

Poesie


BALL DE CARTA In sul scoss de la finestra quasi dur come cartapesta infila, setvót des colora come i balunit cines stan i bali de carta proni per lafunzion de sostituì in la stua, el carbon. Anca in cà mia dove la vita l'era modesta sefaseva i bai de cartapesta. Giurnai véce, carta de macelar quaderni de scolar se meteven a moeuj in del seggion in attesa de la confezion: el me papa con "mano esperta " el plasmava che la carta mola e la baia piena de color laparivafada da un tornidor. Me ricordi che quand studiavi e per elfrecc a barbelavi la mia nonna Manetta, bona ma un pò ' piogeta la me diseva "met in spala el sciai e in de la stua metum denter quater bali. Capitaa che l'era el desnov de genar e gh 'era giamo anda via el dar. Il lunario el segnava S. Mario. I veder de la finestra a la distanza d'un pass eren riga de giazz. Népoc ne tant nissun s'è ricorda che incoeu a l'è el me sant. Coni in spalla el scialètt me sentivi un vegeti e allora a la nonna che in d'on canton la preparava el minestron a g 'ho dit "Cara nonna almen incoeu data l'occasion famm un regal scalda la stanza con el carbon e non coni i bali. ===================================================================

ALL' AMICO CLAUDIO Riessi no a capi se l'è avarizia o se l'èpigrizia. Quand a g 'ho besogn el rizettari tiri semper tardi che non gh'è pari. Ma pazienza gh 'è semper ona provvidenza. "Con sommo gaudio " la mia provvidenza la se dama "Claudio ". A dit grazie, car amis a l'è onpoo troppocch. Per sto servizi el Signor el te daga tanti benefizzi pas e salut che per la verità tijepropri meritaa. ===================================================================

LA PARTENZA DEL TRENO Aisoreii, alle dame, aibarelier, volontari dell'U.N.I.T.A.L.S.I. che per la loro granda dedizion hin la testimonianza viva e continua del Miracolo di Lourdes. Che confusion in su quell bastion: la par una gincana lì su el scalo de Porta Romana. Machin che va e che ven un de fa de S. Quintin per trova elpost che convien per malaa epelegrin. Ghe vor pazienza per capì se l'è l'ariv o la partenza: la gioia e elfervour però, a hinn semper quei de gent che se voren ben comefradeii. Se brazzen su se basen a ripetizion se fan un badalucch de compliment se troven minga cambia anca se un an a l'èpassaa. Con la divisa lustra e ben stirada soreii e barelier paren proni per una sfilada. Le dame, quei che gris g 'han i caveii cont la scuffia paren pusseé bei: i tosan invece, "poverine" cont la divisa a hin propri un poo "bruttine ". Femeg una proposta, alla presidenza se cont diligenza sepòo no senti un quei stilista de queipussée in vista. Per el corpett "se vi piace" se pò ' dighel a Versace e per la sottanna consulta Dolce e Gabbana. Ibarrelier, a hin tucc bej "aitanti e forti ": paren tanti colonej e se tije lasset fa ogni vun el sent la voeuia de comanda. In un vagon de mezz poggia a la balaustra anca lor cont la giacca lustra i cusinée te saluden cont tanti sorrisini come sufusen i cheffdel Savini: e pensa che sepodesen lor te darien el minestron anca la matina per colazion. Quei de la direzion van inanz e indree come in un ploton : par che voren controlà ma ghe tegnen pussee a fas rimarca. Ma a guarda tutta sta gent che te paren pien de difett, te se sentet un quej coss de dent che te diseda un grand rispett. Senza esagerazion g'han un coeurpusseé grand de lor un anim verament bon una disponibilità in tutti i or g'han una parola bona per ogni persona paren aposta creaa perjutta ipover malaa. G 'han i man che in d'or con tenerezza fan una carenzza a ogni lament rìsponden con sentiment. Oh car amis, de noi quand el treno el corr te vedi in pée in del corridor e magari te sgranet el rosari per descascia el sogn che pur l'è necessari. Per riposa te ghe pensar et quand te tornaret a cà: ma la prima not te vegnarà el penser de manca a un tò dover. Ma la Madonna che per la tua devozion la te guarda con protezion par che la te disa "te spetti anca l'ann che ven per fa ammo tanto ben ". ===================================================================

LA MORA DEL SECOND PIAN Quand a seripiscìnin seri la coccola de tutti i vesin; anca la mora del second pian, 0 in brasc o per man la me portava in la soa ca perfam giuga'. Quel che de lee ho mai capi l'era perché che la bela pigola la girava per ca tutta biotta. Ipettegol de la ca diseven che lafaseva quell mestee là ma in tutt el vùn iproeuv ghi aveva nissun. Pina! Come te seret bella! Però son sincer, anca quand a seri un giovinett te mai inquieta i mepenser. Porsi l'era una preparazion a la mia professioni vede tanta bellezza e desmentegala in pressa. Un bel dì sorpresa e emozion, la mora del second pian l'ha sposa un ufficiai de l'aviazion. sabetton de la porta con la rabbia che l'è mai morta, per dass una soddisfazion diseven che la gaveva elpanscion. Lee invece alta, bella, elegante e graziosa la metteva in mostra un vitii come elfust di una rosa. Capitaci poeù una matinada che cont el so beli a l'ho incontrada. L'ha ma strengiu fort al sen e alii la gh 'ha ditt: chi el Mario l'era l'unich che me voreva ben. Lu, quel! bel tenent so no cosa gh 'he sia vegni in la ment, el me dis "birbaccia " e intanta e me tira unpizzigon in faccia. Pina: me soni senti el sang a buj ma ho tasù per ti. Ma che voeuja de digh in faccia a quell mezz generai: cara el me car officiai, guarda che prima de ti la toa donna biotta l'ho vista mi. ===================================================================

EL SO' MESTEE In de la mia porta gh 'era una dona, putòst bruta e un po' storta. El busillis l'era el so mestée: la tornava semper tardi e una quei volta apée. La mia maggior, che con la scoeula l'era andada, a teàter l'aveva incòntrada e a mi l'ha ma dit "Papa' l'e no una baia la sdora Tibiletti la lavora a la "Scala"" Disemel sot vòs che nùm sem un pò ' curiòs e mi e la mia miée s'em rot el eòo per induina el mestée. Artista, modista costumista, corista o musicista? La mia maggior semper tósa riservada anca se presada la s'e mai smulada. La scoperta del mestée l'emfada a un matinée tra un att e l'alter de la "Travìada " per una necessità immediada. Impassibile còme unpersonàgg de storia senza importanza e senza boria la sdora Tibiletti da una vita, da un pézz l'era li a la "Scala" che la curava el céss.
===================================================================

LA LUISINA PISATI L'era brutta me 'Ipecca, cont lafacia semper scura che aifìoeu la ghefaseva ... paura, tant che i mamm di scalmanàa che vosavenn cont tutt elfìàa: "ona quaj mattina tefoo porta via dalla Luisina!. Semper voncia, para donna, cont indoss ona gonna che nanca on professar l'avaria indovina el color. Ghe spontavenn do gambètt e infònd aipée, i scarp, somejaven a do barchètt. I mann, jerenn dù palòtt negher coni 'el carboon e, intani che la sgagnava i pagnòtt je gustava come... on bomboon. Cont in mann onferr e on sacc in sui spali, la girava sotta i scali indove ghéra de solit... la rùera, e sta pòra donna la ruspanava la carta bonna e, cont grand attenzion, la impìeniva .... el so saccon. Cont chi quatter danée che la ciappava dal strascée ogni osteria l'era ona tappa... per on pienn de bona grappa. La viveva ind 'ona baracca, on gabiòtt: e la dormiva su unpajoon e per la pulizia, por a stella, lag'aveva ona ... sidèlla. Quand la pativa un quaj dolor, la ciamava el dottor e, de donna assennada, la se lavava doma la part malada. Ona mattina mepicchénn la porta: "el corra dottor la povera Lùisina forse l'è morta ". L'era ona mattina gelada epùrtropp el frécc, l'aveva mazzada. Da ona fìlidùra de la baracca, vegneva denter ona spérla de soo che la ghe illuminava la faccia: la péli l'era morella ma la pareva ... diventada bèlla. Strana creatura del Signor... e si che te sérett... la tosa d'on sciorr. Lùisina senza gloria: mi tefaroo passàa alla storia. Per nient barbona o etilista: ti te se stada la prima ecologista: no de sicur ona por a disgraziada, ma l'inventar... della spazzadùra differenziada! ===================================================================

L' ARMANDO L'era elpussée bel del so rion semper elegant come on sposin; i tosan sospiraven on so basin quand gh 'aveven on pontell in sul canton. De sacoccia l'era no a pee, perché d'inverno elfaseva el sciostrée e d'estaa el girava strade epiazz perché el vendeva ipan de giazz. El gh 'aveva un bel carrett che le tirava un cavali ner lù settaa in sul cassett el par èva un cavalier. De tosann n 'ha morosa un bordell e delpollee el pareva l'unich gall, finché a voeùnna, propi brutta el gh 'afa un bel regall de spetta un bambinel. Ma i sofradei de lee per la strada l'hanfermàa: fa el tò dover mascalzon se no num te liscium el groppon. El'Armando de omm d'onor l'ha portada denanz al Signor. E la creatura; una tosaneta vegnuda al mona ona mattina, l'era anca leeputost bruttina; ma l'ha ga mai avù nissuna pretesa perché por a nana l'era doma lèe ca e gesa. Tant che quand la mamma l'è mancada la s'è mettuda el vel e a moniga l'è andada. In sta occasion l'Armando l'ha tira giò madonn e Signor; l'ha fina miss demezz anca el dotor, ma che la povera tosa l'era no malada del bon Gesù a l'era inamorada. E là in di mur del chiostro tra un 'Ave Maria e un Padre Nostro l'ha prega tanto el Signor per redimm el so genitor. El'Armando cont gran sorpresa l'è diventa un omm de gesa. In del convent l'era diventa de ca tant eh 'el ciamaven el magiordomm di suor de la carità. E quand l'è morto l'eè mort content perché l'han piangiù tanti donn: tutt i monic del convent. ===================================================================

LA LISA Lisa a l'era elso nomm: l'era alta e tracagnota e la pareva un omm. La gh 'aveva di laver carnos una bella fila de dent e un sot nàs un pò pelos, l'oeucc ariti on pò start tant de pari che la ghefaseva l'oggin a tucc quei che ghepasaven visin. Infond alla via sotta elpont de la ferrovia la se vendeva, ma cont dignitàa tant che i so vesin de cà ghe perdonaven el vizzi e la trattaven come voeunna che l'andava in ofìzi. Quand la gh 'aveva un quei dolor mi seri el so dotor e per la verità la se presentava come voeunna de cà. Poeù i ann a hin passa anca per la Lisa e al temp de la pension l'a mis in pée una organizazion. Quater donn, quater disgraziaa, che de ognipart eren arriva: ja ciappà sotta la sua protezion e cont la dignità d'una profession je curava tutti i or senza la presenza d'un protettor. Grazie a Dio eren mai amalaa e rarament m'hann disturbaa. Ma la Lisa, da donna dignitosa una volta la ma domanda scusa e la ma dit: "Se el ghepias ghe regali un bel vass ". Ch ' el vas, a imitazion d'un capodimonte ghe l'ho ancamo in del me studii e alla scrivania el legni "dì fronte ". Quand l' guardi e la ment la va lontan pensi al bisogn de guadagna on tocch depan e pensi che anca el "vizzi" el pò ' vess on sacrifìzzi. Pensi quel 'era la motivazion che portava chi donn sotta al bastion e so che voenna l'era lì perché la gh 'aveva di fìoeu da mantegnì. La nostra umanità la dev vess piena de carità e se ve par chepoda bestemma a gho l'impression che la prostituzion la gh 'aveva una faccia pussèe umana quand a l'era doma nostrana. ===================================================================

LA BAMBINA Quand seri student, de "medicina " se intend, me piaseva prestam confervour là indove podevi sostituì el dottor. Per la verità eren luce mestee chefaseviper caritaa. Me capita che, in un abain de la Riva indove se rivava per una scaleta gh 'era una giovinetta. L'era ancamò viva, ma per non lasala mori gh 'aveven consiliaa una endovenosa al dì. La se damava Bambina e per via del mal che la sofriva la gh 'aveva una fossetta come quella de la Violetta: quella tal che el Verdi la fa canta per do or prima de rena l'anima al Signor. La pareva una povera pigotta coni taccaa pù nagotta: semper distesa sul lett legera come un guggin poggia sora un cossin. Stravacaa su la dobbia la gh 'aveva duu brascitt che pariven duu grizzitt. In unfaccin sbiancaa brillaven duu oggitt rassegnaa: duu laver smort e ripiegaa perché a rid eren pù abituaa. La mamma, lavandera de mesteee per la verità la se desfava per lee: ma de quella soa bocca sdentada ogni parola che la diseva l'era una stravaccada. Dopo quasi un ann, la Bambina pusséeper la grazia del Signor che per la medesinna la comincia a ciappa color e i duu lavrit depassarin han comincia afa un quei sorrisin. E la mamma coni el so frasari la m'ha domanda el me onorari. La staga brava sdora Letizia se vorum no ruinà la nostra amicizia. Allora, quand la Bambina la sarà diventada propri bela una quei sera laportarà in ............ Ti che te leget la mia poesia trova ti la rima coni la toa fantasia. Sicur che quella mamma cont una parola sbagliada la pensava a la soa tosa tanto desfortunada. E in de la soa ignoranza magari coni de denter on torment a la Bambina la ghe dava ona speranza che saria vegnù quel moment che del tutto rimetuda a un quei amen la saria piasuda. E insci l'è staa. La Bambina l'è guarida: tra i so tanti amis l'era dai giovin la preferida. La se sposada come una sciora l'ha fa una vita de consolazion. E ogni volta che la incontravi l'era semper una esclamazion: "se fina a chi son rivada anca la cura la sarà stada ". Ma la Madonna la grazia me lafada perché a l'ho tanto, tanto pregada. ===================================================================

I DUU NEMIS Dopo che aveven fa el sogn el Carleto el Togn cont el cordon in man porteven a spass el so can. Eren duu can de cada, che invece de guardass in faccia senza pudur se usmaven elposterior. Baiaven a ripetizion e tentaven de sbranass fin che tira dal cordon se decideven no de calmass. Anca i duu padron se guardaven per travers e per via di duu cagnon de anda dacord non gh 'era vers. Anca lor se usmaven poc semper pront afaparol, ma per paura de pera i tocch se tegneven sotta controll. Vegneven no ai man perché eren minga san: i condizion de tutti e duu per la verità eren precarie per via delle coronarie. Ma la dislipa che la voeur i robb semper al contrari, de numm la se impipa e la te met col dedrée perari. Capitaa insci che in la stessa giornada el Carleto e el Togn insema han ciapa una legnada e per una crisi d'una certa proporzion s'in ritrova insema in "rianimazion ". Le coronarie di duu nemis senza nissun preavis s'eren ben ben saraa e un bel infarto aveven maduraa. E in de chi duu let pien de machinari sti duu pover disgraziaa cont i oeucc inversaa perari pian piani, tiraven el fiaa. Ma poeu quand s'in incorgiu del vesin minga desideraa al moment han no piangiu: ma lafìffa e lapietaa han domina in chef moment su la rabbia e i sentiment. Per un poeu a s'in guarda fin che i oeucc han caragna e poeu senza di parola per la man a s'in ciapaa una stretta de amis e sui laver anca un soris e insci, tutt elpassaa cont una piangiuda l'han cancella. El dotor el benedis e i magagn seperdonen e i duu, oramai amis, s'in ricorda de vess omen. Per la grazia del Signor el Carleto cont el Togn s'in remis del so malur e la storia come un sogn l'èfinida che anca i can han fa razza come duu cristian. ===================================================================

LA MATTINA DEL 25 APRILE: IL PRIMO CADUTO Se sparava a dritta e a sinistra, manca un 'anima se vedeva per strada, i machin volaven come su una pista anche se la direzion l'era sbagliada. Daifinestrin spuntaven i mitra e un alter armaa, stravacaa in sul cofen el controlava la strada da la Barona e san Cristofen. I vos minga dar se confondeven coni i spar. "I Tedesch " se sentiva quasi in coro "scapen in colonna, in su la Lodovico il Moro ". Tirava un vent che quasi per dispet el te moveva elfazzolett e in tanto fervour ross e celest sefondeven col tricolor. Te set cors anca ti dapartigian cont el to s'ciopp in man; cert l'era elprim di che te manegiavet un arnes de che la fata li. Dopo un 'ora, t'han porta indrèe, che te stavetpu in pee: che bruti destin, per ti gh 'era riva la fin. Una balla defusill da una part a l'altra l'aveva trapassa la tua testa giovami e su che la faccia sbiancada elsangh elscoreva come una cascada. Coni i man che tremaven e tutto confus me disperavi per comprimm chi bus; e covavi la speranza de senti e I son d'una quei ambulanza. Ma per la miafed mai desmentegada e per la toa giovinezza senza misericordia s'ceppada unica consolazion un pret el t'ha da la sua benedizion. Una matina de primavera: un 'ora de guerra e lotta ostinada. Per la libertà che come in un sogn l'erapu una chimera la tua vita l'è stada sacrifìcada. PREFAZIO: Cari amis del vintun, dalla prima elementar a incoeu ve ricordi a vun a vun. Serum la class defer e de la vittoria: ma l'è stada una balla e una brutta storia. Tutt quel che gh 'avi l'è tutt merit voster: ve l'ha da nissun e allora semper viva viva el vintun. TE SE RICORDET? Sem troà una sera tra l'inverno e la primavera e per ona volta em desmentega luce i nost malan per festeggia insema l'inizi di nost setantacincu ann. Sem anda indrèe cònt el penser, de quànd serum fìoeù, el temp passaa elpariva ièr e ièr elpariva incoeu. Sem ricorda dela bèlla ringhèra cònt infònd el cèss e la ruera de che la bela tetona d'unafondeghera de la portinara cattiva epocch sincera che la diseva che ti te seret elpadron de la melonera. Serum "tutti belli" in de la scòla de via Brugnatelli: l'incoster, elpènnin la riga per el disegn el stucc de legn. Coni sodisfazion de la toa e de la mamma mia me daven lodevole in polizia. Serum no baliila ma serum marinar perché el Duce el sconfondeva en Navili con l' mar. Portavùm i calzòn lazzaà cont i bottòn e cont elfrecc g 'avevòm i garòn ròss e magari la pala dislasàda tant che ciapava aria quel "attributo bello " che incoeù ciamen "el pisello ". El nostpà el fumava la pipa e nùm giugavom a la lipa giugavom cont i facett, frustavom l' birla ciamavom "a doris " i sòldàa de carta, quand de òr eren rigaa. Quand gh 'era el monton de sabbia vegneva de moda de giuga a "cioda ". In di saccocc a dés a dés tegnevom i gandolit di scirèss, mi ghe l'ho mai avuu, ma tùtt i ser sognavi un monopattino cont i roeud a sfer. Disegnavum elgir d'Italia in sul marciapè a ai tolit de l'Agretta ghefasevumfa de bicicletta. Quand vegniva la succia del Navili ipussee malnat se calaven già senza zoccor per ciapà uselin e botur, ma podeva capita che quasi per punizion coni laforcellina infìlsaven el didon. Se te conossevet una tosa te diseven che l'era la toa morosa e chissà perché ai tosan che disevùm i bagian. Seni poeù cressù e gh 'e vegnù la guerra: èmfa el nost dover cont una vita trista anca se serum antifascista. Poeu el mestèe, la mièe, ifìoeù e dopo tanti ann in conclusion ghe vegnùu anca la pension, e con sti danèe sudaa anca i magagn in riva e insemma anca tanti dolor per la soddisfazion de chi boia de dotor. E me par se ho minga capì mal che ghem tucc in generai un disturb ali 'apparato urinario che per fa pipì no ghepù orario. Tant che ona not me soni insogna che serum tùcc in d'on stanzon a spetta l'operazion luce illus che dopo "el taglio del budello podevom torna giovane e bello ". Cari i me cari amis, dem a tra a mi, a l'è ora de pensa al Paradis e el nost Signor che l'è tant bon come el noster panaton. Preghemel tucc in coro: "Signor se per la verità, devi sta cont ti tutta una eternità: lasum chi ammo on ciccin, te preghi: dam una vita serena e tranquilla almenfìn al domila. Primavera 1996 ==================================================================

I NOVANT' ANN DE LA SCIORA RINA Quand l'è nasuda in del milanovecenttri l'era previst che la saria rivada fina chi. De sangh milanes s'cett, brava, bona, tanti qualità de vera milanesona. Per i novanta ringraziem el Signor, ma demeg on pò de merit, anca al so dotor. L'ha passaa una vita quasi tutta bona: ona quei lagna, ona quei magagna, ma in sto mona baloss chi l'è che gha no una quei rogna addoss. In compens on mari d'or onfioeu d'argent invidiaa da la gent. Una noeura de gesa e per depu milanesa, nevod de sangh e nevod ciappa luce bravi per la verità. E lee verament de brava nonna l'è diventada anca bisnonna. Semper on coeur generos travasa vers la sofferenza, pronta ad ogni beneficenza, fina anca a Lourdes comme sorella a consola ejutta ipoer amalaa in barella. Tanti auguri sdora Rina e che la Provvidenza le ripaga con tanta salut e benemerenza. E in ona nott stellada guardem ona stellina che brilla e con un man alzada promettem de ritrovass in del domila. Milano, 20.12.1903 - 20.12.1993 ==================================================================

ME PAR DE DIVENTA ON ROBOT Un dì adree ai bastion ho incontra el me amis Carleto Tognon (al secolo Carlo Tognoni). Serum compagn de l'università: la in dove andavum a studia. Come student l'era sta un poo scass ma come dotor de la mutua l'era sta unfoeura class. Dopo tanto temp sefem i confìdenz. Mi ghe disi che "il mio cuore el va per via di uno stimolatore ". Lu el me confida che l'ha perdu la mie ma el g 'ha una giovenaper i pée e per fa la suafunzion l'ha dovu subì una operazion. "Tit'elset" eldis "son mai sta, e son minga un fesso, me son mecanizaa el sesso ". Tognon, te me da l'occasion de fa una considerazion. Gh 'era quel tal che per fa la vita meno amara el se comprava una ghitara. Mi ghe credari no: per viv benin son dre a diventa un robot: una pila per el coeur, un apparecc per i oregg, un sospensori, e per l'ernia un cinto prowisori. E tra un quei ann, de not, magari un belpatell originari e un piccai artifìzi per vegh ogni di el benefizi. Me par che, a poc a poc, son adre anda a tocch e che la carcassa coni el temp la se scassa. E allora preghi el bon Gesù che se de lassù el me sent el me tegna bon almen el sentiment. ==================================================================

EL NAS DEL DOTOR Elpar minga vera ma s'eren cognosu per via del "Corriere della sera ". Su gli "annunci matrimoniali " el Marcel l'aveva parlaa de un piccai difett ma propri cosa l'era l'aveva minga spiega. Tant che lèe, la Pina l'avevapensaa che el spos el podeva avec on tic nervos 0 men di mal on ouec de crìstal. El pariva beli in cartolina, ma in verità el gh 'aveva una gamba sifolina. E quand s'in cognosu in una passeggiada areni al Po l'è sta minga bona de dig de no. S'in sposa e in barba a la paura de lee 1 triifìoeu da la testa aipee gh 'aveven on portament come i corrazier del President. On dì, in occasìon de on sciopero generai el Marcel un pò scroccon con la macchina del Sestagall, pien de bon umor l'èra andaa a fa un gir del lagh Maggior. Ma in del torna el compagn del lavora per via de on bon bottiglion coni la macchina l'era anda afìni cantra a on lampion. El parabrezza l'era andaa infreguj e un bel ciapel l'ha taia in mezz el nas de por Marcel. L'è stada una tragedia: elpover omm, già smorfia per la gamba cont el nas taiaa el se sentiva on bomba. El piangeva come on berin e l'era diventa come onfìoeuli: el passava i giornad a speggiass e l'era pù andaa ne a lavora ne a spass. Che la povera miee la saveva pù come trattai e la ghe contava on bordel de ball. E on di che a casa sua s'eri anda perché onfioeu l'era umalaa a quela povera donna avilida g'ho demanda se la storia l'erafìnida. Scior dottor, el se ofenda no m'è vegnu ona ispirazion e ho trova la soluzion: per via del so nas al me mari g'ho da lapas. A g 'ho dit al me Marcel: ti per mi te set semper bell. Guarda on pò el nost dotoron el g 'ha on nas eh 'el somei a un peveron ma lu come nient tutt el di el sta in mezz a la gent. Mi l'ho mai senti a lamentas tanto men a vergognass ma par fina che el nason el ghe daga distinzion. Ho guarda che la donna che d'on cruzzi la s'era liberada: ho fa on sali in su lapoltronna ma la rabbia l'ho soffegada. Sciora Pina, me vegnuu de di: soni sta util anca chi; quel che me dispias che ades sarò mi a pensag al me nas. ==================================================================

LA MIA VEGGIA SCOLA Quasi tutti i di passi denanz a ti ma se ancafudessi sta via de chi avaria maipodu desmentegam de ti o scola di temp di me di. Quanto temp a gh 'èpassaa e a sta età mi soni rivaaì O scola di temp de la mia innocenza o scola ti te me prepara la strada alla vita e alla sapienza. Quand passi per la toa via a volt pìen de emozion me ciapafina unpoo de magon e come a un parent che va de lontan te saludi o scola col gest de la man. Ultimament te ghe avuu un complean important ma nepocne tant nissun s'è ricorda de ti. Ma mi el ricordi elprim d'ottober de settant'annfa: quand taccaa a la socca de la mia mamma ho piangiù; ma una bidella con un "fa no el depu " quasi depes apas pas l'ha ma strusa denter in class. E el second di quasi a dispet d'una vita piena de studia soni anca scapa. Allora, non "par vero " ma la scola per numm l'era un mistero e un mistero la sdora maestra. De solit on bel tipinn coni tant de capellin, de ca la stava no in del rion ma in una ca de lusso al de la di bastion. Rivedi la mai class: appena dent in un quadret minuto per un patriotic sentiment el ritratt del "caduto " Pover Crist, un bel gioinott mort in la guerra del quindes desdott. In sul mur, dessoravia de la maestra semper in bella vista i quader del Papa, del Re e del Duce e semper fiss anca el crocefiss. Sui i mur de destra e de sinistra anca lor in bella vista come lenzoeu staven poggia senza che ne capivum el signifìcaa l'Italia fisica e l'Europa politica. Sul mur infond con tant de spiegazion duu gros cartellon, con la storia de la vespa, del mei e de la cera e del bigatt eh 'el filava, la seda la in de la brughera. Senza fass mal fina a Natal impienivum i quadernini di aste e di puntini. Se un quei vun el combinava una quei magagna, el meteven de dedree de la lavagna e una quei maestra senza nissuna protesta la menava facilment la mano destra. Semper la maestra cont onfa un poo de stria la controlava la pulizia: ispezion al coppin e ai oregg e questa l'erapropri bella me metevenfina al voto in su la pagella. A mezdi se mangiava a scola e la mensa l'era la class, e coni la cartella ognifioeu el se portava el so cavagnoeu. E dal moment che la vita l'era come l'era el mangia che se vanzava in ca la sera la nostra brava mammetta me lo confezionava dent in de la schiscetta. I gerarchi de allora con la convinzion de vede' ciar ciapaven el Navili per el mar e num serum "marinar ". E per una istruzion perfetta a la domenica in sul Navili sefaseva un giret in barchetta. Ma el mepa el protestava, de secac no i glori perché la domenica el mepurtava con lu al 'oratori. I scoll eren do: vunna per i tosann che je ciamavom i bagian e l'altra per ifìoeu che se ciamaven i fasoeu. A la finitiva del'ann sefaseva la "festina " e cont attenzion ogni clas la preparava una rappresentazion. Quei de quinta elementar del Ferravilla, rappresentaven, la "class di asen " o " el milanes in mar". Per l'occasion "La cassa dei risparmi " ai primi della class, unica tra luce i banc la ghe dava un librett coni su desfranch. E allora doma in tri o quater roba de mati faseven i esani per i scol de maester o de ragionat. E la miee de l'ingegne che la credeva de vess furba doma lee, a la mia por a mamma la ghe diseva: "Sdora la gha di beipretes vorèfa studia unfìoeu che elparla in milanes ". Ma per ti o cara scola de un rion tuttpopolar, quanta brava gent ghe salta foeura dall' 'impegn di to scolar. Operari, impiegaa, artigian e commerciant s'in distint sicurament per el to insegnament. Post scriptum: Che vor di "tagac ancamo un quejcoss a quell che ho giamo scritt " "Oh scola in merit de quel che te me da a mi t'ho mandaa anca i mefioeu, tutti e tri: e sensa scond l'emozion anca el resi de la generazion: inevod". Milano, 1 ottobre 1927 - 1 ottobre 1997 ===================================================================

EL DON CIRILLO El so nom l'era Cirillo, l'era no tanto alt, se diseva per vìa d'una fever de morbillo. El caminava apass curt e in pressa el portava semper la beretta e quelfioc deprevost l'era semper al sopost, e in man per dass un poo de arii el tegneva semper el so breviari. L 'era on pret de qualitaa ma quel che se capiva no, se sto pret l' gaveva una sua ca. Ouand vegneva l'ora de mangia el girava tutti i uss e come se nient 'I fuss el se setava per disna. In ogni ca l'apontament l' sefìsava di per di: se trattava doma de ricorda se per la sera o per 'I mezdi. L'erafìs anca l' menù: al lunedì senza tanti scuss dalla Fina el gustava on bel oss bus; dalla Carlotta ona bistecca e in settimana dalla Giulia la busecca; al venerdì per contenta la gola dalla Luisa el merluzz con la scigolla. Quand la settimana l'era al traguard el don drillo el scerniva una famiglia de reguard: nissun me mett el veto incoeu de fa conoss un "segreto ". La domenica e i alter di de festa dopo la messa e la dottrina, senza la solita beretta in testa, dai Gualdoni o dai Cazzulani, no per parla mal ma el nosterpret el se impieniva come a Natal. E le case de "accoglienza " cren semper in aument perché lu, el don drillo, con gran pazienza e un pizzigh de sentiment non pasava settimana senza crea una famiglia cristiana. Tra ifìoeu de l'oratori, ossequienti e buoni el combinava semper un quei matrimoni e ogni unione esemplare l'era una garanzia per "desinare". Una volta in ca de on me cusin, combinazion mi come dotor s'eri li vesin. In occasion de la confession el don drillo el s'erafermaa a colazion. Per el scior prevost gh 'era pronta una bella cazzoeula che in quater e quater vott lafinida con do pagnot, e intanta che la sbafava al scior Piccaluga coragg el 'ghe dava. El poer Picca per on gross mal a la gola el mangiava una borlanda de verdura e de scigolla che se anca senza savor l'era pur una grazia del Signor. E cont 'Ipret che lo "incoraggiava " con gran sforz giò le casolava e cont i oeucc lagriment in de la tazzina el ghe piangeva dent. Anca chi el don drillo la compì una mission con l'esempi del so apetitt ai malaa el ghe dava, una consolazion. Sefuss possibil bisognarla inventa una preghiera tantper el mezdi come per la sera che come i alter lafìnisapur in "cosìsia" per ipover mala che sofrisen di "anoressia". ==================================================================

LA BALLARINA DE LA SCALA L'era on di de mes de lui, quan te par che el so el buj, e dopo una not sudada ai ses or me riva ona telefonada. Dall'altra pari delfil la toa vos gentil: "dotor sont disperada gh 'hoo una gamba paralizzada ". Te piangevet con disperazion con la vos che in gola la se strozzava e per dal una consolazion son parti subit con la macchina che la filava. A Bergom stasera, te disevet, su la pista devi balla come solista: lassi la fila e stasera se decid la mia carriera. On dolor he 'I te partiva de de dree l' rivava fin al pee. In eh'I dì per ben tre volt son vegnu in de ti cont una pontura, 'I dolor a te l'ho tolt e t'ho faa senti sicura. Quella sera a l'è sta on gran success, i battiman s'hinn pu cunta quand l'bali te replicaa. De la "Scala" cont l' nom sul cartellon te se stada on grand campion. Semper prima in ogni gala e per mari anca 'I prim ballarin de la Scala. Te gira 'I mond Bolscoi Metropolitan Conven Garden e l'Opera. Cont l' temp t'hoperdu de vista: Iprim an te me regala on quei biglie! per applaudii in pista. Chissà se durant la tua carriera, quand te brillavet ogni sera te sia mai vegnu a la ment eh l' dotor che senza ciapa nient eh 'I famoso di dopo ave fa on badaluc de scall el t'ha fa fa bella figura con la soa premura e la soa pontura. ==================================================================

EL VILLA STRASCEE E COMUNISTA A fa el strascée l'aveva fa i danée e de gioven, de sottomarca del fascismo l'era sta un gerarca. Dopo la guerra del rest, camme tanti alter, senza on minim depudor l'aveva cambia anca el color. L 'era on bausciott coni onfa de stupidott e in fin de setimana ciappa la ciocca per lu l'era una manna. E i so "alala" e i saluti ai gerarchi ie vosava animo con faccia truce comme ai temp del suo "duce ". On sabet l'han sbattuu foeura de l'osteria che la stava sotta a la ca mia ciocch me l'era 7 stava minga in pée: 7 sepogiava al lampion epoeu el vosava "Togliatti ha sempre ragione" cont ona vos s'ceppa comme on trombon. Villa, l'emezzanotpassada e alla toa filastrocca dag ona taiada: fa on cala de mori, g'hodit, ma g 'ho istes voeuja de dormi. Ma lu senza rispet la sua sinfonia la ripeti: 7 me/radei on pò incassaa l'ha ciappa una sidella e l'ha bagna. "Grazie" l'dis 'I Villa, l'è bella fresca: allora coni ona canna tacada al robinet, l' mefradel l'è anda avanti afag un bel bagnet. Intanta anca lafondeghera che pur a le l' ghaveva rat l'uvera l'ha profitta de quel mestee on poo ordinari che se damava orinari. Insci come l'era cont l' servizi de la not e de la sera, dopo un bel poo che l'ha voja in sul coo. Ch 'I por smargiass, l'è resta de sass: smontaa in on momenr che per un so vizzi el pensava de fa on comizzi. L'ha sfarfuja con rabbia sofegada una bestemma subiiperdonada: e adrée alla fondeghera, "Tarloca d'ona Mafalda, questa l'è no fresca,


l'èputost calda".
===================================================================================== MARIO MIGLIAVACCA Andandez avanti on pass ===================================================================================== Andandez avant on pass: il titolo di questa seconda raccolta di poesie in dia¬letto meneghino, racchiude il pensiero ottimista che ha sempre avuto verso la vita il nostro caro Mario, andare avanti, guardare avanti, senza porre limiti all'età, alle condizioni fisiche, alla provvidenza. Purtroppo, una mattina, il passo si è fermato senza che potesse vedere com¬pletata questa sua ulteriore fatica poetica. Era giusto, però, concretizzare il suo lavoro ed eccone il risultato. Il nostro cammino, ora, va avanti e basterà leggere una poesia, per ritrovare vivo quello spirito che lo ha sempre animato. LA FAMIGLIA Questo modesto libro con queste modeste rime in dialetto, lo dedico a mio fratello Peppino (il mio fratellino). Per l'amore fraterno che ci ha sempre legato, per la sua integerrima vita di lavoratore indefesso e di padre di famiglia, per l'impegno nella vita pubbli¬ca, merita altro di questo modesto ricordo. La stima di cui si è circondato ne è la testimonianza. Prima ancora di conoscerlo personalmente, mi era venuta a orecchio la noto¬rietà di questo Medico milanese che ha fatto della sua professione una ragione di vita, una missione d'amore nell'ambito della gente umile, ovunque fosse richiesta la sua presenza o nel sacrario del suo ambulatorio nei pressi del Naviglio. Poi un giorno venne a trovarmi al Teatro S. Cipriano e mi fece dono della sua prima raccolta di poesie, e nella lettura di quei testi, traboccanti di vita vera, nella semplicità della Milano d'un tempo, trovai la più veritiera conferma alla comune opinione: "II Dott. Migliavacca l'è on grand'omm!". Le mie due righe sono poca cosa, caro Amico, altri avrebbero fatto più e meglio, ma spero che, unite al "loro" anche la mia piccola voce Le torni gra¬dita, perché mai, come nel suo caso, la frase gioiosamente possessiva dei suoi pazienti : "El me Dottar" ebbe riscontro più tangibile, perciò, anche da parte mia, per quanto ha dato, per ciò che ha fatto, per quello che ha scritto, grazie di cuore scior Dottori ADA LAUZI A Cinzia. Questi versi dopo la tua sistemazione, diventano materia viva. La tua opera assomiglia a quei ricami che non si vedono ma rendono il tutto più bello e più desiderabile. Grazie Cinzia: spero di contare su di te ancora per qual¬ce anno. MARIO

==========================================================================
AL LORENZO Sarem in de l'ann domila e ventiset e la mia carcassa, quasi consomada, la sarà denter a quater asset, sot terra o perari ben sistemada de dent don colombari. Ti te saret dotor perché alla famiglia te podet no, allora fac no sto onor. L'è vera ch'I to cognom el gha on po' del terron ma l'è pur anca vera che per fa on omm ghe minga de bisogn del cognom. In de la nostra ca, senza pretes te set anca cresù e educa comme on ver milanes e comme tal semper considera. Se pensom che el to nom l'è Lorenz come el sant di colonn in milanesità senza spes, podum dat anca des. Resta tacca alla tradizion: come l'to nonno e l' zio materno, farem i pubblicazion, te saret el quart dotor col cugino esterno. Quand te andaret in ca de la gent quei che magari in on po' pignoli e cognosaran i to sentiment te disaran: car el me car dottor Incagnoli porca baracca, ma lu per caso l'è no el nevod del poer dotor Migliavacca? ===================================================================================

LA SAPPHIRE Sapphire l'è una bella bambina, bona e brava, arrivada a sto mondo forse, anzitempo. Tosa de la Roberta e de Oba, l'è on fior da coltivare a distanza. Quand em vist la Sapphire per la prima volta, la nostra attenzion l'è andada a la pel smorta, cosa puttost rara la pel l'era ciara. La nostra attenzion l'era no un tort al papa; ma l'era una grande curiosità, data la conoscenza e l'impat forse credevom de vedela color ciocolat. Ch'el faccin, piccola cosa, el pareva quasi on bocciolo di rosa; chi du oggioni de schiribizz, te guardaven gemo fiss fiss. El crapin l'era tutto on rizzolin, cont el didin la fingeva de fa on bus in del facin per di che quel che l'aveva mangia l'era bon e de daghen on alter boccon. Quand te incomincia a sfarfuia el noster nom a biascica, tanti in de la cometa come a viva vos el timber l'era semper grazios. E in chel moment scund se pò no on sentiment, e cont anim seren em sentì subit de vorret on grand ben. Pussée el temp el passare e te vegnaret grandina pussée el ben el cresarà perché penserem a ti sera e matina. Quand rivarà i to disegn e i to collage, ghe piaseran de mat, e i conservarem per ben, come se sian sta fa da on personagg. Quand te credaret che se podda passa via senza incorges de ti i to nonni (doppi) davanti alla tua bellezza e la tua bontà, reclameran de spes la tua presenza, perché la famiglia la pò no fa senza. ==================================================================================

TRE STANZETT DE RINGHERA Se de la via Lombardini mi me fermi in sul canton e dò un'ogiada in ogni direzion me par quasi de sogna se col penser torni indre a tanti tanti an fa. Che la cà rossa e on po' rifada cont ona facciata in su la Riva e l'altra col porton in su la strada, una ca de lusso la pariva. In sto palazz, la mia vita l'è incominciada: a metà ringhera del prim pian in on mes de lui ona donna on pò attempada la mis al mond on bel nan. Ch'el nan rotond comme ona balla s'eri mi: sont cressu senza pretès, giugavi in cort, in su la ringhera, in on sottoscala in che la cà dove tutta l'era "milanes". In famiglia serum no sciuri anca se la mia "genitrice" l'era la sciura levatrice. Fora dona! Quanto lavora not e di per i "bimbi futuri" nassù a termine o prematuri quand la ciamaven e la rispondeva al campanel ch'el se trovava dessoravia del portell. Come eren bei chi tre stanzett riscalda da la stua e dal rispett; ona ca piena de amor e sentiment, ghe mancava propi nient. Fin che ona bomba maledetta l'ha minga desfa che la povera casetta. La mia nona, bona ma barbottona; el me papa che sotta i so barbis el scendeva ona faccia de paradis; el me fradel ch'I dava on grand de fa e mi, si studiavi, ma pensavi anca a giuga. E ai sett or de ogni sera cont on sentiment quasi de preghiera, quasi la foss stada ona fonzion tucc intorna al tavol a mangia el minestron. Ch'I minestron che da ogni part el mandava on bel profum de lard. E prima de anda in let per anda a scoeula, sempre nett, el bagn in de che l'arnes senza tubi che '1 se ciamava el semicubi. L'acqua calda ogni sera la se scaldava in la caldera e on cicin la se metteva in del scaldin. D'inverno, i lenzoeu eren gela me i bis anca se gh'aveven l'orlo de pizz. E prima de la bona nott e del basin poggia al tavol come '1 fùs on altarin tra on sbadilli e on soffegon mezz indorment disevi i orazion. E in de la stanza con la porta averta perché la not la me faceva on pò paura con mezza testa sotta la coverta, me sentivi ripaga dona vita sicura. El frecass de la nona per sistema la cusinna, la mamma che la contava i pont per ona maietina, el martel del me papa che ogni sera el gh'aveva on quej cossa de giusta, me compagnaven come ona sinfonia de angiolin e de cherubin in ona armonia de dolcezza con la testa poggiada in sul cossin ch'I cossin bianc de bugada el profumava come ona rosa apena catada. ====================================================================================

Il Ginetto esiste realmente ma in questo caso, rappresenta tutti quei ragazzi che ogni anno, a decine, accompagnarne a Lourdes affetti da disparate patologie celebrali. Vorremmo abbracciarli dal primo istante con tanto affetto. Ma qualche volta capita che ti deludano un tantino. EL GINETO Me ricordi che in sul treno ho incontra el Gineto per la prima volta: el gh'aveva on bel facin sereno e '1 m'ha dit cont una vosina smorta guard'andes la mia vesta bianca de coler: se capiss che ti te set on dotor. Chi poc parol stenta e farloca vegneven da ona bocca senza dent ma eren pien de sentiment. Por nan: bastava poc per fai content: on toc de carta colorada le faseva felice per tutta ona giornada. I soeu do manin, staven no in pas se strengeven no on quei coss che pias e quand i parol se fermaven li el deprava i man per fas capi. On di, dopo la piscina sotta on sol scottent in su la soa corrozzina l'era tutt content. Intanta ch'I spettava la procession el stringeva in man on bel balon; l'era pien de bon umor per l' bel giald del so color. Ma chissà comme l'è stada a on cert moment che la balla l'è scapada: el Gineto tutt sgoment cont i oeucc vers '1 firmament el guardava ch'I balonin ch'I diventava semper pussée piscinin. Quand a la vista l'è spari del tutt sto poer fioeu l'ha sgrana duu oeucc piangent; come consolai del so sgoment? Pensandes de metel quiett "Guarda Gineto" el to balonin, ghe l'ha in mann "el Gesù Bambin" e alla sua mamma par ch'I ripet: "el Gineto me l'ha da propri a mi perché te preghi de fall guari". Ma i me parol in vola al vent: l'era tanta e tal la desperazion ch'I gh'aveva de dent che in sul bel de la procession l'ha vosa in mez a tutta la gent: l'è vera no che l' Bambin l'è bon: se no el tegneva no el me balon. ====================================================================================

ONA MEDESINA PORTENTOSA Poer Giovan; e si ch'I gh'aveva avuu on colpet, come se dis in milanes, ma l'era staa ben pocch ofes. Doma on piccol ralentament a sinistra, sempre bonna la dritta, in bicicletta el correva come in pista, e semper pront per la soa Margherita. La Margherita l'era ona donna granda e grossa, el ritratt de la salut e de la bondanza, però semper rabbiada per on quaicossa e mai cont on fil de speranza. La gh'aveva cinquantamila mal da la ponta di pee fina a la scima di cavej, el pes l'era mai in cai, e i "pretuberans" semper prononcia e bej. Del fidegh e de la testa la cognosseva tucc i guaj e de la soa pancia anca i di de festa la se desmentegava mai. Tutti i santi di, ma l'era on vizi, la doveva avegh el benefizi, e una quei giornata on poo de spess la passava setada al cess. Se per caso la gh'aveva l'impression de dovè salta ona giornada el poer Giovan per risolv la situazion el ghe faseva on bel clisteri de acqua e savon. E data la situazion ch'l' por omm l'era pront ogni moment, fina de not senza esitazion le ciamava senza tropp compliment. Dotor, el me diceva sto poer Crist, el me daga una man sont propri trist trovem on rimedi per sta vita de can. Combinazion la Margherita per dagh on "tono" al umor e alla vita la toveva tutte le sere ona medesima che la se ciamava "glutestere". Prova Giovan a fagh nota a la toa miee che i pastili de "glutestere" stranament a ghan on nomm ch'I fa rima con "clistere". In America pensa, che magnificenza ona grandissima scoperta de la scienza, a ton voeunna prima de dormi l'è garantii el benefizi per tutt el di. Me l'ha dit el dotor me l'ha fina giura in su el so onor, e se la storia la fonziona ti te saret ona altra dona. Pensa Margherita che grazia ricevuda, lassa in despart ona antipatica fonzion pensa, te saret pù tegnuda de ves semper li cont el sedes in position. Te gh'avaret pussee temp a disposizion, e dal moment che a mi me pesa te andaret ti a fa la spesa e intanta avrem risparmia acqua e savon. La Margherita la storia l'ha bevuda e ona altra donna la se sentida, el Giovan l'ha troa la pas perduda e che la grossa balla l'era servida. El dotor? Anca lu content perché anca coi medesin se po' imbroia la gent. ====================================================================================

I nostri ammalati nascondono, a volte, una Fede senza limiti. II caso di questa ammalata ne e un esempio inequivocabile. ON PICCOL MIRACOL DE LOURDES L'era nasuda in Svizzera, ma da una vita la stava a Milan; la mangiava poc e dent in ona chicchera e la podeva nanca saggia el pan. La gh'aveva ona brutta malattia che a poc a poc la portava via, el so intestin a tocchell a tocchell ogni tant '1 perdeva on quei ciapell. I toe se descollaven da la "mucosa" e la soa sofferenza non la gh'aveva posa e per de pu la sopportava ona sorella bisbetica che la se vantava de ves Elvetica. Da Lourdes, in on pellegrinagg al Santuari 1'aveva porta a ca on pacchett con dent ricordini vari e on poo de terra sconduda in on sacchett. Ch'l sacchett, ferma cont on sigill le tegneva come ona reliquia riservada e mai 1'ha vore dil in che canton la terra 1'aveva prelevada. Andavi a troala con compassion, ma la mia presenza l'era doma ona consolazion gh'era nient de fa da part della scienza. Ona volta che per i dolor Fera disperada, ogni medesina 1'aveva provada; in sti occasion doma la fed la po dat la speranza che se preved. La mis i man in del so tiret, l' ha tira foeura el famos pacchett; pian pian senza fracass quasi con rabbia 1'ha streppa el lazz. L'ha stravacca on quej granii de terra in del scoss de la man; l'ha sara su i oeucc , l'ha ditt 'n Ave e 1'ha cascia tutt'n bocca come on tocch de pan. Che la terra non la gh'aveva savor, la ghe grattava on po la gola; 1'ha mandada gio con terror contenta in ch'l moment de vess sola. I dolor come per incant in passa in on moment e po senza spetta tant l'ha ma mis del miracol al corrent. Da ch'l di chi granii a che l'anima benedetta non ghe desturbaven l'intestin, anzi, fina a la fin, eren diventa la sua rizeta. Miracol de la fed e de la devozion, in di di de sta mia profession grazie Signor quanti miracol ho vist e quanti sant ho cognossu de tant in tant. ------------------------------------------------------------------------------------------------

ON QUEI DIFETT (EL PRESIDENT) A la mia eta' ghe no de avegh paura a di la verita, on omm de rispett el po parla anca di so difett. Se mai sont sta curios, de sicur on poo ambizios; se 1'e giust el "sillogismo" ho pecca de "protagonismo". Pero, se in su la scala de la vita son riva a on quei basell sicur, che fadiga su che la salida, ha vinciu el me carater costant e dur. De student in de la politica gho da dent, e me son da de fa in virtu di insegnament del me papa. Quand son diventa dotor per on quei ann ho pensa doma al lavora guardavi no ne di ne or ma a fam on nomm per la verita. In politica me son rimis adree a la spinta de tanti amis. Adess, me diseven, che se parla de decentrament in concorrenza cont i alter ghe riva el to moment. E insci, prima dal consili comunal, poeu da la gent a suffragg universal me son trova president de zona a rapresenta el sindich in d'ona opera bona. Podi no scond la mia soddisfazion, gh'avevi on bel studi e quand seri dent pensavi anca cont emozion a la scritta in su la porta "el president". A mia disposision on segretari, do bei tosan per la "dattilografia" on ingegnee, on commercialista per i afari, e on bel telefono in su la scrivania. Disponibilita de on commess per tegni nett i ofizi e anca el cess. Che la sporca d'ona "politica" con chi la pratica l'e generosa e no stitica. Per quei che allora ghe diseven "quartier dormitori" mi gh'hoo mis tutta la mia bona volonta, ho tira foeura on ambient quasi da signori propi senza nient tralassa. Scoeul, navett per el trasport, farmacii, camp sportiv e parchi per i fioeu, centri comercial per i periferii, robba che la ghe ancamo al di de incoeu. Ma dopo tanti ann chi se regorda quel che mi ho fa, in de la memoria de la gent chi se regorda che mi seri "el president". Quand on giornalista in ona modesta intervista el m'ha seriament domanda per quale importanta opera gh'avevi piase de ves ricorda? "El me creda sul me onor" e gh'hoo fa ona bella ridada e con la bocca sbarattada "me piasaria ves ricorda perche son sta on brao dotor". ------------------------------------------------------------------------------------------------

ON OMM BON: EL ME AMIS ANGEUNO La prima nott de naja t'ho riempi de paja; sotta de mi in del let a castel t'ho conscia bel, bel. Che la specie de materas 1'ho tegnuu tutta la nott con 1'avertura rivolta in bass senza pensa che sotta de mi gh'era on bel fioeu comme ti. No doma bel ma anca bon, tant che tutta la nott per compiacenza te avevet porta una gran pazienza. T'era vegnuu ona toss ostinada per via de che la paja sfreguiada e intanta che te tossivet te nominavet ona tosa che de sicur 1'era la toa morosa. Sem diventa subet amis e da alora sem pu divis, tant che anca cont ona guerra de mezz e ona gran vita trista, se sem mai perdu de vista. Da soldaa a caporal da caporal a sergent da sergent a sottenent; on poeu de mond l'em gira ma el Signor el m'ha semper preserva. E in on trasferiment senza cor e per alora caso rar ma per volontaa del Signor sem anca incontra in on paes al de la del mar. Se sem brazza su come duu innamora e per on poo se sem minga lassa. Ti te piangevet e mi in gola gh'avevi on gropp e per la gioia avaria vosa, se quel bamba d'on capitani, el m'aves minga cont on froc, da i to brasc destacca. E quand la guerra l'e finida e con quella ona brutta esperienza, senza ca e la famiglia in part desfada emm dovuu cerca ona noeuva strada. La famiglia, la profession, la fed, la religion bin sta da alora la toa distinzion. L'amicizia e l'umilta ban fa de ti ona eccezion. L'Angelino? 'I cognosi per de bon; disen tucc: a l'e on omm propri, propri bon. Anca 'I Signor 'l sa che te set bon, tant che in ospedaa la in on canton quand per on gros incident in coma te capivet pu nient; cont ona lus sberlusenta e ona musica dolza e lenta doma a ti car el me car amis 'l t'ha fa connoss 'l segrett del Paradis. ------------------------------------------------------------------------------------------------

MI E I SCIMBI La prima scimbia: per cunt de sta bestia sont sta propri screanzaa Gh'avevi un amis che fina dai bane de la scouleta 1'era famos per la soa canetta. Lavora poocch: tanti sogni fina pero a diventa "el factotum" del "Circo Togni". La, l'ha cognossuu e sposaa una romana che a fa balla i scimbi l'era la sua manna. El so nom l'era "Chiara" ma su i cartellon a caratter gross compariva "Tamara". La vorreva da d'intend che la Russia 1'era "il suo paese" ma in fond el so accent l'era de "Porta Portese". Quand Fera malada sta donna on poo strana la se piazzava in la soa carovana e la tegneva una scimbia ammaestrada. Ch'l scimbiot el saltava come on merlot e alia padrona che dal let non la se moveva la serviva per el ver come s'l fus sta on camerer. Quand per ona grossa operazion la Tamara l'ha dovuu lassa el so carozzon li per li la ciapada in ca la mamma del mari. Ma senza la scimbia che la serviva la Tamara la diventava anca cattiva e alia suocera che la jutava ogni tant la ghe vosava: tardona e "pagliaccia" a la mia scimbia te ghe someiet doma in faccia. Mi per la verita, verament on poo maleducaa a la domatrice gho confida che al "Martinengo" sul lavora, per la soa manera de fa la sua suocera, la sciora "Carlotta" per soranom la ciamaven "la scimbiota'. Sont propri sta un poo ciall: la Carlotta per tutta la vita la m'ha volta i spall. La seconda scimbia: che la seconda scimbia chi la m'ha mis adoss propri on grand scagett. La sciora "Giuseppina" che de ca la stava a la "Cassina" la gh'aveva on fradel che ai tropici el commerciava in animali esotici. Quand per i festivita el rivava in dela sorella che da zitella la viveva sola in cambi de l'ospitalita el ghe regalava ona quei bestiola. Una volta prima de Natal la sciora Giuseppina la s'e sentida mal. Mi sont cors de premura e dopo avec fa ona pontura in la saletta me sont settaa a scriv ona rizzetta. Improvvisament in sui spall ho senti on scatt; credevi che l'era el gatt. Invece ho vist ciar, vestida cont ona mudina de marinar, ona scimbieta cont i so manit a festa la me grattava el coll e la testa. In sta posizion poc sicura, son sincer gho avuu pagura. La siora Giuseppina per fam sta quiett la me dis che l'e brava e la fa nagota: ma mi ho vosa de tiramela via se no risciavi de famela sotta. La terza scimbia: l'eta madura la m'ha tiraa via la pagura. Dopo on quei ann in occasion d'on viaget in Marocco on di me sont faa on coragg a do spann, per ona foto ricordo; con on oeucc che brilla me sont fa faa on ritratt cont in brasc on gorilla. ------------------------------------------------------------------------------------------------
INVID DE NATAL (1999) Car amis, dal moment che perdom la memoria te regordi che al desnov ghe ammo baldoria. Ringraziem el Signor ch'l me regala on alter Natal e allora pasemel no mal! Una bella tavolada on scherz e ona ridada: sofoghem la caragnada semper pronta a rovinaa la giornada. Solita ora, solit Ristorant, solita padrona. Solit menu? No! Quel de Natal! Ricordeves la lotteria per faa danee e allegria! Mario ------------------------------------------------------------------------------------------------

Mario Migliavacca


mercoledì, maggio 04, 2016

Donna di cuori


Donna di cuori
Ti ho atteso nel lento scorre
della sabbia del tempo
custodita nella stanza segreta dei sogni
solo di notte assieme sognati.
Ogni notte per magia
ci baciamo per la prima volta
l’intima ora scorre, ci dona silenzi
dove tutto si traduce in amore.
Con colori profumati d’estate
il cielo del soffitto dipinto
riempito il cuscino di petali di rosa
solo per te melodia nell’aria risuona.
Questa è la nostra stanza
dove intatto rimane l’amore
come un’oasi nella luce del sole
al riparo della vita e del vento.
Bruno Gasparri

sabato, aprile 09, 2016

Testimone

Testimone
Immerso nel mio cosmo, raccolgo cocci d‘esistenza
cerco immagini sbiadite dal tempo
si frappongono confuse, roteano luccicanti
mentre in preludio, leggera melodia risuona.
Sgargianti colori di pittura astratta
come enigma sancisce l’appartenenza
a questa vita, tra anni in giorni e notti alterne.
Ho cercato di trasformare in sogno, colmo d’armonia
il destino, dove l’azzardo è vivere
ma ora che ho attraversato il mio tempo
a chi racconterò d’essere testimone d’anime innocenti
chi mai vuole ascoltare di falsi amori
del tradimento dell’uomo che coinvolge Dio.
L’aria odora dei profumi di una nuova primavera
nella clessidra la sabbia continua a scorrere
ho riposto nella mia stella la fiducia
pensando che mi assista dal cielo
poi ho solcato i nari, sulla duna impressa l’orma
sulle cime immacolate, respirato la pura brezza
nelle città mi sono confuso tra la folla.
Ora esauriti tutti i compromessi
nell’aurora di un futuro affidato a insensate probabilità
sono come un libro illustrato dimenticato in biblioteca.
Bruno Gasparri

mercoledì, aprile 06, 2016

Estasi


Estasi
Chiudo gli occhi,
l’eco di un sogno espande
l’emozione travolge
l’aria ha un dolce profumo d’alga
l’onda accarezza la riva
mescola conchiglie e sabbia
delicatamente mormora il riflusso.
Fantastica notte di luna piena
splende in cielo specchiandosi sul mare
una lunga scia d’argento l’unisce all’orizzonte
mentre l’universo offre sfavillante sipario.
L’ora scorre incurante, rincorre la notte
che cosa importa se memoria si perde nel riflesso
il pensiero vola aleggia sull’ombra
il ricordo riaccende l’estate
profuma di te vita d’amore vestita
mentre travolgente passione increspa l’onda.
Nella solitudine ho abbracciato abissi
mentre il giorno timidamente sbadiglia
donando un nuovo domani nella speranza
mentre il destino scompiglia gocce di memoria
l’attimo si veste di vita con le ali del passato.
Bruno Gasparri


mercoledì, marzo 23, 2016

Felicutá


Felicità
Quanti riflessi, felicità, cavalchi
ore passate nel sole
dal vespro al rosso tramonto
i tuoi riflessi sono sorgenti d’estasi.
Dove affonda il ricordo
sia l’inizio del viaggio di questa vita mortale
amando l’io fuso nell’essere
la stessa natura ne esalta l’intima ora.
Ora sono qui accanto all’albero
in questo nostro primo giorno di primavera
è passato un altro lungo inverno
l’universo ci dona una nuova nascita.
Ora mille e mille gemme bruniscono i rami
è il dono della vita che si rinnova
la tua essenza s’innalza profumando l’aria
un solo sospiro addolcisce il tempo.
Di giorni, notti nel sole e pioggia ho riempito i miei giorni
intingendo il pennello ho dipinto il mio mondo
tra dune di sabbia il sole tramonta e si leva
incurante riscalda mentre il vento le orme cancella.
Con i nuovi germogli ti vesti di vita
mi hai atteso paziente tra le ali del passato
non posso piangere ribelli briciole d’amore
ma solo esaltare l’attimo di felicità che vince il tempo.
Bruno Gasparri



mercoledì, marzo 02, 2016

New barbed wire



Rughe scavano la mia fronte
con profondi solchi
il cuore è saturo
prigioniera l’anima tra il filo spinato
silente è l’urlo a domanda:
“è questo il seme?
Nascosto resto a guardare
variopinto insensato tumulto di folla
naufraga spinta da onde rifuse.
Nuovi spinosi confini lacerano la carne
quanto ci vuole che le voci giungano il cielo?
nulla rimane per un riscatto
Iddio consola; fiamma accende
il diseredato, misero e l’ultimo
avrà anche lui quel Dio
nella promessa d’essere il primo.
Bruno Gasparri

mercoledì, febbraio 24, 2016

La libertá

La libertà

Ricordo mia Madre
oggi penso a Lei
era solo un istante fa.

Sono vicino all'amico albero
è li, aspetta paziente
il suo silenzio ammalia
teneramente l'abbraccio
fresco soffio tra le foglie s'insinua
profumato carico d'eterno m'accarezza
è Lei, dal cielo ancora allunga la sua mano.

Madre rimando al dopo preghiera a Dio
ora sono ancora intento seguire il Tuo sguardo
vagava nell'orizzonte, chiaro il messaggio:
"figlio nessuno è immortale su questa terra."

Sei l'esempio, la voce tra la folla:
"vai, ti domo la libertà."

lunedì, febbraio 22, 2016

15 febbraio

15 Febbraio
Ieri non c’ero per dirti t’amo
oggi posso solo dipingere stelle
illuminano il tuo cielo di soffitto.
La a est il blu stinge
una nuova aurora di rosso lo dipinge
mentre solitaria stella nel tempo
la luce in frammenti riflette.
Il pensiero Pegaso cavalca
cosa importa se il cuore è in tumulto
faville del mio fuoco non ancora spento
ravvivino l’incanto di questi versi
d’amore rivestano tutti i ricordi mentre
in un sospiro nasce un nuovo giorno.
Bruno Gasparri

domenica, dicembre 13, 2015

Tra l'anno 2015 e 2016

Tra l’anno 2015 e 2016
L’uomo ricorda quando è nato il Bambino
25 dicembre di un nuovo mondo
non è leggenda ma antica memoria
ora sento campane, suonano al vento
un suono oggi senza senso
indifferenti le note risuonano d’echeggi
loro non sanno di un profondo mutamento.
Guarda, l’ultima all’orizzonte è la mia stella
sotto la sua luce scrivo tutte le mie poesie
la stella da sempre è li, non sa chi sono
ugualmente mi compiaccio della sua approvazione
viali di salici carichi d’acqua
dai rami lievemente scorrono gocce
come lacrime bagnano questo mio tempo
è inutile aggiungere anche le mie
solo la storia lo può fare.
Non posso fermare il tempo
confesso: m’è scivolata una lacrima
 mentre vi stringo, miei Cari, sento che
siete il mio meraviglioso specchio
chiudo gli occhi rincorro ogni attimo
una delicata linea dove riempio anche i vuoti.
Di certo ci saranno molti giorni nuovi
dove il sole rincorre la notte
dove il mio cuore cesserà di battere
non importa se il sonno s’allunga nell’eterno
nell’esistere colmerò tutti miei sogni
in concentrici cerchi s’allargano sull’acqua
da dove lentamente si leva velata foschia
sale in cielo dissolvendosi nello spazio che sovrasta.
Bruno Gasparri


martedì, dicembre 08, 2015

Sfide


Sfide

Cerco parole per replicare immagini,
emergono e scompaiono
semplicemente per lasciare posto ad altre
fugaci istantanei fotogrammi
sempre trascengono la realtà.

L'immagine diventa parola
nasce per narrare la storia
la maggior parte è biografia
la stessa si afferma nell'estinzione
comunicando notizia quando è già trascorsa.

Aleggia nel passato
riemergendo non è più la stessa
il presente la corrompe
resta solo una fragile sensazione.

Il tempo deve mantenersi in movimento
non replica mai se stesso
solo il ricordo cerca di farlo
parole/immagini esistono
ne certifica il loro trascorrere.

In questo modo il "narrarsi"
diventa dramma, felicità e tristezze
eredità acquisite, insegnamenti
esperienze vissute da altre vite
con esse l'attimo iberna si perde
nei limiti invalicabili delle capacità.

Così razionalizzo sfide
il divenire in un esistere
oltre il luogo dell'essere
supera il coniugare
passato, presente e futuro.

Bruno Gasparri

Miraggio

Miraggio

Ho inseguito un sogno
è solo riflesso d’amore
sciolto nelle pieghe del vespro del giorno.

Ora sono qui a raccontare del suo mare
del suo vento, del suo essere.

Fallace debole ricordo
il cuore batte l’attimo, saturo, stanco,
nel nulla accompagna l’anima
in frammenti scompone la luce
candida ovattata manifesta l’esistere
velato nel bianco il piacere della bellezza.

Respira lento il battito del tempo
il pensiero trina inconfessabili desideri
ricordi si immergono, turbinano intensi
non trovano voce o perché a pudori nascosti
solo silenzi carichi di vergogna.

A volte l’io vola troppo in alto
abbagliato da troppi riflessi d’amore
rinchiuso, gelosamente custodito nella mia oasi
dove la duna solitaria dialoga con le stelle
vive nel voluto miraggio
dove la vita è solo poesia.

Bruno Gasparri

Senza tempo

Senza tempo

Al vento ho affidato la voce
l’utile arpeggio l’avvolge
folletti gioiosi danzano
mentre Lei sull’altalena dondola, dondola
solo il vento la spinge.

Un gioco di un tempo ora sogna una donna
lo sguardo s’allunga tra il verde e fiori
poi cattura le stelle per i suoi desideri
come d’incanto il senso dell’eterno sovrasta
dove Io del tutto maestro
in cielo dipingo il sole fermo nel tempo
il blu del mare e spumeggianti onde
per condurti sull’isola dove l’amore
non ha tempo per morire.

Bruno Gasparri

venerdì, ottobre 30, 2015

Palestina

 
Palestina

Nella notte un grido
nell’eco all’alba rimbomba
suono di passi d’anime innocenti
dentro silente pianto
fallace preghiera al cielo rivolta:

“Perché Dio all’uomo tutto perdoni?”

La mia voce in nascosti pudor tace
manifesta un solo celato attimo
mentre i cedri nei sacchi fermentano
solo nei libri vi è scritta la promessa
travisata nell’essenza e nel tempo.

Ora troppe voci recriminano crimini e dintorni
doveroso scavare nei ricordi
dove perfino Dio è coinvolto
questa Terra, sperduta nell’infinito universo
dove la bellezza nell’aurora è diffusa in ogni alba
mentre il fragore dell’essere nell’anima rimbomba
silente è il pianto, vere nere lacrime sulla terra cadono.

Non è un trionfo, tutti da Eva sono nati
l’ombra è il regno del celato
mentre il sogno è la luce della speranza
dove non ci saranno nuovi giorni bui
e nuovi sepolcri colmi di corpi da Caino uccisi.

Questa e la terra dai nostri avi benedetta
nessuno può negare questo, ora sento solo sofferenza
siamo o no l’immagine di Dio?

Il resto non conta, chi approfitta del libero arbitrio
alla fine dei suoi giorni all’offeso darà ragione
l’attimo del riscatto gli sarà negato
confusa la sua voce tra i suoi simili
relegata in una tomba buia senza nome
coperta da pesante lastra di marmo
dove nessuno lascerà un fiore ne pietra a ricordo.

Bruno Gasparri


Mi sono perso nella notte

 
Mi sono perso nella notte
semplicemente in un pensiero
di un nuovo risveglio
nell’emozione delle tue labbra
mentre mi baci.

Ho accarezzato il sogno
scorre lentamente
in momenti incontenibili
animati dal tuo profumo.

Cercami, amore mio,
in questo silenzio
prendimi la mano
rinnova attimi sussurrati
l’odore della tua eccitazione
inebria, non ha limite
nell’ombra vive di te.

Non lasciarmi
mie debolezze mi chiamano
un domani di fantasia
diluito in infiniti inutili attimi
d’epidermide incompleti amplessi.

Ti voglio stringere tra le braccia
per non perdere nemmeno
un solo attimo del tuo amore

Bruno Gasparri


La voce dal cielo.

 
La voce dal cielo.

Il tuo profumo aleggia in questa mia stanza
sei lontana, mi manchi
strana brezza serale porta l’ombra
parallelo preludio a notte solitaria.

La, nell’eterno buio, compare la mia stella
il tempo l’ha ibernata nell’universo
il suo luccichio m’attrae, silente amica
a lei da sempre confido i miei sogni
mi assiste dal cielo, guida sicura alla meta.

Ora so, non è nella sua luce la pace che vorrei
troppo pesante l’abbandono
solo nascondermi nel buio
altre luci ammiccanti, illusioni d’amore
frammenti riflessi in un agitato di notte blu
di preciso manifesta solo il minuto celato
l’ora dei silenzi che produce solo dolore
l’ansia del divenire è come un dono improvviso
cambiano i momenti raccontati in poesia
era solo un’instante fa, un ieri fulgido d’amore.

Ora alla stella ho gridato “ti amo “
attendo paziente l’eco della voce che viene dal cielo.

Bruno Gasparri


PER TE UNA ROSA

 
PER TE UNA ROSA

Al rintocco di ogni nuova stagione
ricordami di indossare l’abito adatto
il cuore è stanco di scandire vuoti minuti
ogni ardore affido al vento
mentre il cielo piange iridescenti gocce.
Cosa resterà di me in questo mondo?
già l’anima cavalca l’onda
silente spumeggia nel buio mare
forse un gesto o solo vuote parole
ugualmente le voglio dipingere
arricchite con versi e strofe
colmi di sfavillanti metafore e d’amore.

Di profumata aurora intensi ricordi
tutto sembra solo un sogno
immerso in un intimo attimo
gelosamente avvolgo il piacere della bellezza
a volte parole volano alte
poi si perdono nel silenzio che ammalia.

Ma ora ci sei Tu
leggiadra consapevole nell'appartenenza
con gioia offri la tua mano
trasformando autunni stanchi e freddi inverni
in fiorite primavere preludio di calda estate.

Nuovo ardito è il vivere con te
respirando intensi nuovi profumi
il sorriso e la tua voce
diluiscono regole e destino
semplicemente, in questo collegiato mattino
sussurrarti:” buon giorno amore “
per te questa rosa.

Bruno Gasparri




Lettori fissi

AFORISMI